"... avevo scoperto l'abisso della rassegnazione, la virtù del distacco, il piacere del pensare pulito, l'ebbrezza della creazione politica, il fremito dell'apparire delle cose impossibili..." Altiero Spinelli

Biblioteca

Lepanto. La battaglia dei tre imperi
La copertina del libro
Alessandro Barbero
Lepanto
La battaglia dei tre imperi
Laterza

 

La battaglia di Lepanto (1571) ebbe delle conseguenze, o non servì a niente? La domanda che infastidiva Fernand Braudel viene proposta dallo storico Alessandro Barbero a conclusione di settecento pagine che tracciano un affresco molto vivo di quel passaggio di tempo cruciale che fu il XVI secolo. E la risposta che prova a formulare è che se sul piano politico e militare non ebbe un grande effetto, nell'immaginario collettivo essa segnò - grazie soprattutto alla propaganda che in quella circostanza dimostrò forse per la prima volta dove avrebbe potuto arrivare - una sorta di spartiacque fra oriente e occidente.

Il fatto che Lepanto, ancora ai giorni nostri, rappresenti un riferimento tanto per la destra radicale quanto per la Lega ci racconta di quanto quel mito, la superiorità del cattolicesimo sull'islam, ancora produca i suoi effluvi velenosi.

Un libro interessante non solo per gli appassionati di storia (e dei dettagli, dove si nasconde il diavolo ed altro ancora), ma anche per comprendere la partita che si sarebbe giocata nel Mediterraneo e in Europa nei secoli successivi.

Il potere che frena
la copertina del libro
Massimo Cacciari
Il potere che frena
Adelphi (2013)

"... Ma che accade allorché il katechon, esausto, giunge al suo termine, a 'toccare' la manifestazione piena dell'Anticristo?"

1 commenti - commenta | leggi i commenti
L'ultima lezione
la copertina del libro
Ermanno Rea
L'ultima lezione
La solitudine di Federico Caffè scomparso e mai più ritrovato
Einuadi

"... A un'ora imprecisata, compresa tra l'una di notte e le cinque del mattino, smise di di pensare. Insdossò i pantaloni grigi che aveva portato sino a poche ore prima (forse non se li era neppure tolti di dosso), una giacca, una camicia, un impermeabile e, dopo aver disposto una serie di oggetti sul tavolino accanto al letto - l'orologio, gli occhiali, le chiavi, il passaporto, il libretto degli assegni - raggiunse in punta di piedi la porta di casa. Aprì con meticolosa lentezza la serratura evitando di fare anche il più piccolo rumore. Poi si rinchiuse la porta alle spalle con la stessa cautela. Appena al di là del portone si sentì investito da un flusso di aria fredda: era fatta. Qualunque decisione fosse in procinto di attuare , non poté non percepirla come qualcosa d'irrevovabile..." 

Eva dorme
La copertina
Francesca Melandri
Eva dorme
Mondadori, 2012

Il mio amico Vincenzo lo ha definito "un primo passo italico verso la comprensione del diverso da noi". Che ci può aiutare - aggiungo io - a comprendere il dolore dell'altro, passo decisivo di ogni riconciliazione. In un romanzo, la storia novecentesca di una terra (il Sud Tirolo) dove le narrazioni, nonostante la ricchezza dell'autonomia, continuano ad essere separate. Un particolare ringraziamento all'autrice per queste pagine di grande sensibilità.

Manifesto per lo sviluppo locale
Dall’azione di comunità ai patti territoriali
Giuseppe De Rita – Aldo Bonomi

Bollati Boringhieri

Uno strumento di lavoro che mantiene intatto il suo valore di strumento pedagogico per chi vuol fare animazione territoriale.

La fede nel veleno
la copertina del libro
Marcella Giuri - Rade Ljubisic
La fede nel veleno
Una storia onco(non)logica
Curcu & Genovese

"Terapia da pronto soccorso. I nostri oncologi ci danno una mano quando siamo travolti dal fiume in piena  (le nostre emozioni, lam paura dopo la diagnosi, ecc.), ti aiutano con la chemio, però ad un certo punto, finito il loro compito, ti lasciano la mano. Tu sei ancora nell'acqua, vicino alla riva, ma non ce la fai da solo a salire. Loro non hanno più niente da dirti, sono impotenti. Oltre la chemio non sanno cosa fare per te e con te. Ti lasciano..."

Così Marcella appunta sul proprio diario, immaginando un libro sulla sua malattia. Marcella Giuri non c'è più. Il libro è uscito in questi giorni e verrà presentato a Trento il 5 febbraio prossimo (ore 20.30) nella sala della Cgil in via Muredei.

L'invito

Gorgo. In fondo alla paura.

Gianfranco Bettin

Indagine narrativa su un delitto nel profondo nord

Feltrinelli

Gorgo al Monticano è un borgo della marca trevigiana. Un assalto in villa finisce in tragedia, e la violenza con la quale vengono assassinati Guido e Lucia che di quella casa erano gli anziani custodi lascia sgomenti. Uno sgomento che si intreccia con la paura e l'odio verso gli altri, perché gli assassini sono tre giovani romeni e albanesi. Gorgo diventa così la metafora di un tempo cambiato che si fatica ad abitare.